Most Popular


Banche, scoppia il caso Boschi
Il caso Boschi è ormai scoppiato. Il coinvolgimento del papà e del fratello del ministro in una delle banche salvate ... ...



Aziende europee e turche diffondono i video dell'Isis

Rated: , 0 Comments
Total hits: 28
Posted on: 12/14/15
Abbiamo visto più volte come il Califfato impiantato tra la Siria e l'Iraq utilizzi con estrema raffinatezza i social network per diffondere la rivista Dabiq e i video di propaganda strumentali al terrore e al reclutamento di nuovi combattenti. Internet è uno strumento necessario per “l'ufficio stampa” di Daesh. Ma chi glielo fornisce dal momento che le infrastrutture delle telecomunicazioni sono state in gran parte distrutte dalla guerra sul terreno e dai bombardamenti aerei' Questa domanda se la sono posta i giornalisti del settimanale tedesco Der Spiegel che la settimana scorsa hanno pubblicato un'inchiesta su un argomento delicato quanto importante per capire le fonti di auto-sostentamento dell'intera macchina statuale jihadista.Alla base della diffusione e della vendita di antenne paraboliche e abbonamenti che permettono a Daesh di connettersi ad internet via satellite ci sarebbero aziende europee e distributori turchi, la maggior parte di essi collocati ad Antakya, vicino al confine con la Siria. Perché invece del solito cavo di rete fissa, ora è sufficiente soltanto un modem e una parabola che trasmetta e riceva, i quali prima di arrivare in Medio Oriente passano attraverso il porto di Rotterdam tra i 12 mila container che ogni giorno vengono trattati. Il risultato è un accesso a internet veloce, con download a una velocità di 22 megabit al secondo e upload di 6 megabit. Quanto basta agli addetti ai lavori del Califfato per usare Youtube e Facebook.A monte di questa catena di vendita ci sarebbero i maggiori operatori europei che offrono una copertura globale quasi completa, via satellite, dalla francese Eutelsat, Avanti Communications della Gran Bretagna e SES di Lussemburgo, i quali però intervistati dal Der Spiegel dicono di non far parte di questo gigantesco circuito. Eppure i rivenditori turchi stanno realizzando un bel giro di affari nella vendita degli strumenti necessari per la connessione ad internet. Pare infatti che molti degli acquirenti provengano proprio dalla Siria e paghino in contanti, probabilmente per non essere rintracciati. Non è un caso che dei piatti satellitari si trovano ad Aleppo, la seconda città della Siria, attualmente divisa in più zone di controllo, a Raqqa, capitale del Califfato, as al Bab, Deir al-Zor e lungo il fiume Eufrate in Iraq fino alla città di Mosul.Dopo la notizia diffusa dalle autorità russe e dai media locali sul contrabbando di armi e petrolio tra la Turchia e Daesh non stupirebbe se anche le antenne paraboliche e i modem passino dai rivenditori di Antakya. Che aspettano dunque le aziende europee a tagliare la copertura satellitare nelle aree controllate dai miliziani del Califfato' Come scrive il giornalista del Der Spiegel Nicolai Kwasniewki le ipotesi sono due: o “le aziende vogliono semplicemente perseguire i loro obiettivi di business senza controllare con precisione chi si appoggia sui servizi che forniscono oppure “le società hanno piena consapevolezza di chi sta usando i loro servizi e condividono le informazioni con i servizi segreti”.




>>



Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?